Quando si imposta un bilancio familiare, qualunque metodo utilizziate (sia esso un foglio elettronico, piuttosto che una tradizionale agenda), una delle cose importanti che dovete fare è stabilire le voci di spesa.

La scelta delle voci di spesa è molto importante perché laddove se ne stabiliscano poche, si rischia di rendere inutile il lavoro di registrazione, in quanto non si riuscirebbe a descrivere in modo efficacie le abitudini di spesa. Se si stabiliscono troppe voci di spesa, si rischia di rendere lunghe le operazioni di registrazione e dispendiose di energie la raccolta e la conservazione delle informazioni. In entrambi i casi, il risultato sarà quello di abbandonare il proposito di tenere sotto controllo le proprie finanze e continuare a lasciarle in balia del caos.

Un piano dei conti deve essere costituito da 10 (massimo 15) voci di spesa. Mi raccomando; non di più! Non avete le necessità di dettaglio che hanno i ragionieri o i commercialisti. Lo scopo del bilancio familiare non è quello di dare conto delle proprie attività al fisco o a un investitore. Lo scopo è solo quello di tenere sotto controllo il proprio stile di vita, di risparmiare ed evitare di fare un passo più lungo della propria gamba. Per questo motivo, quindici voci di spesa sono più che sufficienti.

Nell’infografica qui affianco troverete un elenco di 15 voci di spesa che io ritengo essere il migliore possibile per impostare un bilancio familiare. E’ stato testato per anni e vi garantisco che vi è tutto quello che vi serve per le vostre registrazioni.

Non vi consiglio di personalizzare l’elenco suggerito, nemmeno se ciò riguardasse la variazione di una sola delle voci in elenco. Questo perché vi indurrei in tentazione e a commettere l’errore di adottare voci di spesa inefficienti o, peggio ancora, superflui. Se in questo elenco non trovate una voce che descriva in modo aderente una vostra particolare categoria di spesa, registratela in modo da aggregarla alla categoria più affine tra le 15 suggerite. Ricordate, lo scopo di questa regola è quello di non farvi complicare il lavoro di annotazione delle spese, il quale deve rimanere semplice e veloce. Tanti dettagli non servono.

Questo elenco di voci di spesa è lo stesso che è stato adottato nel software di gestione del bilancio familiare Money Real Time, il quale, appunto, non è modificabile per l’utente e non è personalizzabile. In questo modo, si suggerisce una disciplina che aiuta l’utente a non commettere uno fra i più diffusi errori per cui, alla lunga, si finisce per mollare l’intenzione di tenere sotto controllo le proprie finanze.

Provalo gratis per 45 giorni

 

Lascia un Commento