Pianificare per te deve voler dire organizzare il futuro delle tue finanze; in altre parole, stabilire il tuo budget.

Il budget deve prendere in considerazione due elementi fondamentali:

  • l’ammontare e la frequenza delle tue entrate future;
  • l’ammontare e la frequenza delle uscite inderogabili future (quelle per la restituzione di finanziamenti, per gli abbonamenti vari, per le rette scolastiche, per i fitti, ecc.).

La differenza fra questi due elementi costituisce la previsione del tuo budget disponibile, ossia la cifra massima che potrai ritenere a tua completa disposizione per:

  • effettuare le spese correnti (quelle da fare al supermercato e nei negozi, per andare al ristorante e al cinema, per curarsi, ecc.);
  • per creare il tuo risparmio.

Ovviamente, se disponi di altre risorse finanziarie, non destinate ad obiettivi di risparmio decisi in passato ma immediatamente disponibili, esse vanno sommate al tuo budget disponibile, per avere un valore più preciso e completo.

A questo punto, per andare avanti con il tuo intento di risparmiare, devi porti un’altra domanda:

quanto desidero raggiungere l’obiettivo che mi sono posto?

Se il tuo desiderio è tanto forte da riuscire a farti riconsiderare il tuo stile di vita attuale (o l’idea che avevi di esso), allora dovrai iniziare ad adottare un metodo di accantonamento delle tue entrate e uno strumento di calcolo, i quali ti consentano di raggiungere i tuoi obiettivi.